domenica 23 maggio 2010

Lo Spirito Santo: L'Alitar di Gesù ed il Fuoco Divino


Vangelo di Giovanni (20, 19-23):
“La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il costato. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch’io mando voi». Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: «Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi».”

Nasce ufficialmente il popolo di Dio e la Chiesa, creata con un alito, con un soffio divino, così come aveva fatto Dio con Adamo, il primo uomo.
Dal Padre al Figlio si ripete la Creazione e mi chiedo ... riuscirà mai la Chiesa ad alitare su di noi solo Bene ed Amore?
Quanto umano sia l'uomo Dio lo sa e forse che Pietro sia stato designato ad essere il primo Papa da Gesù non è un caso ... Pietro aveva tradito Gesù e ... nascostamente (come è suo solito fare) Gesù ha voluto metterci in guardia dall'uomo stesso e dalle sue fragilità?

Parla della discesa dello Spirito Santo, Luca negli Atti degli Apostoli, descrivendolo come lingue di fuoco, fiammelle che librano nell'aria sul capo degli Apostoli e di Maria.


Atti degli Apostoli (2, 1-6)
"Mentre il giorno di Pentecoste stava per finire, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all'improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano. Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro;ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere d'esprimersi.Si trovavano allora in Gerusalemme Giudei osservanti di ogni nazione che è sotto il cielo. Venuto quel fragore, la folla si radunò e rimase sbigottita perchè ciascuno li sentiva parlare la propria lingua".



Il Paraclito Spirito Santo, il Consolatore è disceso dopo sette settimane e con esso la forza divina che elargisce i doni, i sette doni dello Spirito Santo.....

2 commenti:

  1. ciao Calliope anche io ho dedicato un pensiero allo Spirito Santo....oggi.
    ultimamente e' messa a dura prova anche la mia Fede ahime' proprio nel mese mariano...gli alti e bassi della vita influenzano anche la spiritulaita' penso sempre che devo imparare cosi' tanto che a volte nemmeno me ne sento all'altezza. Che lo SPIRIRO DELLA LUCE mi illumini.
    ti abbraccio cara e un sereno inizio settimana

    RispondiElimina
  2. Lo Spirito Santo, la pienezza della Rivelazione divina, la forza persuasiva della verità e l'amore che conquista...

    Vieni Santo Spirito!

    PS. Bellissima la pittura di El Greco.
    E bellissimo il tuo blog :-)

    Non ti manca lo Spirito creativo, Calliope...


    Ciao!

    RispondiElimina